Intervista alla Travel Blogger Arianna di La Ragazza Con La Valigia

0
706
Intervista alla travel blogger Arianna di la ragazza con la valigia

Cari amici di Around the World, con il post di oggi abbiamo il piacere di offrirvi l‘intervista alla travel blogger Arianna di la ragazza con la valigia. Questo infatti è il nome del suo blog di successo dove ci racconta da vera professionista la sua vita in giro per il mondo alle prese con il duro mestiere del copywriter. Abbiamo avuto modo di conoscerla attraverso Google ed alcune ricerche che stavamo effettuando in merito ad una città a noi molto cara, Dublino. Poichè i risultati in serp erano sempre di più, questo ci ha incuriosito ed abbiamo deciso di contattarla per farle alcune interessanti domande. Ecco a voi

Ciao raccontaci di te e presentati ai nostri lettori..

Che domanda difficile, che dire? Mi chiamo Arianna, sono nata a Padova ma attualmente vivo a Perugia. Odio la monotonia e sono sempre alla ricerca di nuovi stimoli, per questo motivo ho bisogno di muovermi e vedere realtà diverse. L’amore per il viaggio è sempre stato dentro di me, fin da piccola.

Dal 2016 lavoro come copywriter freelance. Il salto da dipendente a libera professionista è stato per me una scelta di vita, non reggevo le dinamiche dell’ufficio con gli orari rigidi, le ferie contate e assurdi metodi di valutazione della performance lavorativa. Fare la copywriter mi permette di poter lavorare da dove voglio, mi bastano un computer e una connessione internet. Non ho più bisogno di ferie per viaggiare! Si potrebbe dire che sono una nomade digitale ma la verità è che passo periodi anche lunghi nella mia casa a Perugia, dove convivo con un ragazzo splendido e due mici buffi e coccoloni. Per questo motivo mi autodefinisco nomade stanziale!



Di cosa tratta il tuo blog? Da quanto tempo è nato?

La Ragazza con la Valigia è un blog di viaggi scritto per viaggiatori indipendenti e turisti curiosi che come me non amano i viaggi organizzati. Contiene informazioni e consigli per organizzare da soli le proprie vacanze, dritte per risparmiare ed evitare fregature, letture consigliate (prima, durante e dopo il viaggio) e il mio punto di vista su temi riguardanti il viaggio.

L’ho aperto nel 2010 con due scopi in mente: imparare a usare WordPress, una conoscenza che mi sembrava importante da mettere nel mio curriculum, e ricambiare l’aiuto avuto durante i miei viaggi da altri viaggiatori. Il mio motto è: non m’interessa che il mio blog sia famoso, vorrei che fosse utile. Per questo la componente informativa prevale su quella social. Non è il mio lavoro, mi guadagno da vivere scrivendo per i miei clienti.

Nel rapporto con i miei lettori ritengo fondamentale l’onestà. Alla lunga paga. Io non ho mai fatto niente per allargare la mia base di lettori, eppure pian piano negli anni questa è andata sempre crescendo. L’anno scorso a mia sorpresa sono stata persino nominata a un contest nazionale e sono arrivata sesta, subito dopo gente con molti più lettori di me che potevano vantare collaborazioni con aziende e riviste importanti. Per me è stato un bel riconoscimento, vuol dire che i miei lettori apprezzano la mia semplicità.

Parlaci di viaggi: il viaggio più bello che hai mai fatto? Quello che ti ha deluso di più?

Non puoi proprio chiedermi qual è il viaggio più bello che ho fatto, è come chiedere a una madre qual è figlio che ama di più! Scherzi a parte, ho un ricordo stupendo dei miei viaggi in Giappone e Vietnam. Viaggi molto significativi a livello personale sono stati la mia prima vacanza da sola in Irlanda, paese dove ho vissuto otto anni e che mi è rimasto nel cuore, e il viaggio a Bali dove per la prima volta mi sono voluta concentrare sulla spiritualità e sul benessere. A Fuerteventura sono legata perché è stato il mio primo viaggio di coppia… per me è stata una novità assoluta, ero abituata a viaggiare da sola!

La ragazza con la valigia - Muraglia cinese

Purtroppo mi ha molto delusa l’isola di Ischia, è stata devastata dalle costruzioni selvagge. E poi ho avuto la sfortuna di trovare persone maleducate, il che è davvero un peccato perché invece altre persone che conosco ci sono state e hanno trovato persone splendide.

Quale sarà la prossima tappa del tuo viaggio?

Ora mi trovo in Romania: in questo momento scrivo da un ufficio co-working a Cluj-Napoca e la settimana prossima mi sposterò a Bucarest, quella sarà la conclusione del viaggio che in totale sarà durato un mese. In agosto mi concederò una vacanzina sulle Dolomiti con il mio ragazzo e mio fratello, mentre a settembre lavorerò una settimana dall’isola di Gozo (per fare un po’ di mare) e una da Barcellona (per vedere una cara amica che vive lì). Non sono sempre così tanto in giro, mi hai beccata in un periodo particolarmente fortunato 🙂



Quale viaggio ti piacerebbe fare nel prossimo futuro?

Ci sono così tanti paesi che vorrei visitare… Albania, Islanda, Mongolia, Nepal solo per citarne alcuni, e scopro di continuo nuove destinazioni a cui non avevo mai pensato! Il viaggio-sogno, però, quello che prima o poi dovrò fare, è un viaggio lungo di almeno sei mesi.

3 qualità che un travel blogger deve possedere nello svolgimento del suo lavoro?

Quando si parla di travel blogger è importante fare una distinzione: ci sono persone, come me, che lo fanno per hobby e ricavano poco o niente dal blog e ci sono altre (e queste in realtà sono molto poche) per cui invece è la principale fonte di reddito oppure un’importante vetrina per la loro professione.

Credo che la curiosità sia la caratteristica fondamentale che deve avere un travel blogger, professionista o no. Un’altra caratteristica importante è la cura per la scrittura. Trovo tanti blog con informazioni superficiali, generiche, e con tanti errori di battitura. A me questa sciatteria sembra una mancanza di rispetto nei confronti dei lettori. Io la vedo così: leggendomi mi dedicano del tempo, quindi io li devo trattare bene.

A queste due caratteristiche chi vuole scrivere un travel blog con scopi professionali deve aggiungere solide conoscenze di online marketing:  sono indispensabili per poter emergere in un settore dove c’è molta competizione.



Quanto sono importanti i social media per farti conoscere?

Sai la verità? Per me non sono stati fondamentali, la maggior parte dei miei lettori ha trovato La Ragazza con la Valigia tramite ricerche organiche. Ma io sono un caso un po’ particolare perché come ti dicevo prima tratto il blog come un mio giocattolo, gli voglio bene ma non lo prendo troppo sul serio. La cosa fondamentale per me è sempre stata considerare il blog un divertimento, qualcosa da fare dopo il lavoro se ne avevo tempo e voglia, e per questo per il mio blog non ho mai elaborato una strategia di social media marketing, che richiede molto impegno e non può essere fatta in modo approssimativo. Il discorso è completamente diverso per chi apre un blog con scopi professionali, in questo caso non si può fare a meno di una strategia per gestire i social media in modo efficace.

Conclusioni dell’Intervista alla Travel Blogger Arianna di La Ragazza Con La Valigia

Sicuramente non potevamo scegliere una travel blogger più gentile di Arianna per iniziare la stagione dei guest post dedicati al settore dei viaggi e della scrittura online. Speriamo che questa intervista sia piaciuta a voi quanto al nostro team e vi invitiamo a seguire le avventure di Arianna oltre che le prossime uscite di A \ T \ W .

Alla prossima!

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome